Dopo l’Impressionismo. Gauguin e i Nabis
24 gennaio – 7 giugno 2015
Scuderie del Castello Visconteo di Pavia

banner web

Dopo il ciclo di grandi mostre dedicate all’Impressionismo, che ha portato a Pavia celebri nomi come Renoir, Monet e Pissarro, le Scuderie del Castello Visconteo presentano, dal 24 gennaio al 7 giugno 2015, “Dopo l’impressionismo. Gauguin e i Nabis”.

La mostra promossa dal Comune di Pavia, è ideata, prodotta, organizzata da ViDi, una nuova realtà imprenditoriale del settore cultura. Prosegue quindi il percorso tematico del programma espositivo delle Scuderie che, negli ultimi anni, ha registrato risultati positivi in termini di pubblico e di critica.

Obiettivo della mostra, curata da Simona Bartolena, è quello di indagare, attraverso lo sguardo acuto e profondo di Gauguin, un momento eccezionale della storia dell’arte: il passaggio dall’Impressionismo alla modernità; un periodo spesso trascurato, ambiguo e sfumato, definito con il termine fin troppo generico di “post-impressionismo”. L’esposizione intende mettere a fuoco i riflessi della lezione di Gauguin su quella generazione di artisti che lo hanno seguito con attenzione, dando origine, sulla scorta dei suoi insegnamenti, a una nuova pittura. In particolare si indagherà il gruppo dei Nabis, di cui fecero parte pittori eccezionali, eppure ancora poco noti al grande pubblico, come Paul Sérusier, Pierre Bonnard, Édouard Vuillard.

Un allestimento suggestivo, attraverso colori, suoni e profumi in sintonia con le opere esposte, porterà il pubblico ad immergersi in questo affascinante periodo artistico alla scoperta non solo dell’artista ma anche dell’uomo Paul Gauguin. Una vita in viaggio, nella disperata ricerca di se stesso e della propria vocazione pittorica; una personalità complessa, combattuta e contraddittoria che ha contribuito alla nascita di una nuova idea di arte.
Per tutta la durata dell’esposizione una serie di attività didattiche e visite guidate per bambini e per adulti permetterà di avvicinarsi alla pittura post-impressionista e alla tecnica pittorica di Gauguin.

logo-alef-visit-different-bianco                   logo vidi trasp